Blog

Cosa fare quando vostro figlio si addormenta solo in braccio

“Si addormenta solo in braccio, cosa posso fare?”addormentamento risvegli notturni bambino
“Appena lo metto giù nel lettino, quando sembra sia addormentato, si risveglia all’istante strillando! Si riaddormenta solo in braccio!”.  

Cosa ci sta dicendo questo piccolino?

Che ha bisogno di dormire, ma che ha anche bisogno di te mamma, di “sentirti”,  del tuo contatto.

L’unico modo di comunicare dei neonati è il pianto: così ci “dicono” che hanno fame, sete, hanno bisogno di essere cambiati, sono scomodi, hanno male da qualche parte, hanno caldo o freddo, hanno bisogno del contatto con noi.

Spesso il pianto del neonato, in particolare quello serale (se il bisogno di nutrimento, di essere asciutto e pulito, di contatto, sono stati soddisfatti,  quindi non causato da un malessere fisico) è solo connesso al bisogno di scaricarsi da un sovraccarico di stimoli, specie nei primi 3 mesi di vita. Tanti stimoli infatti sono spesso vissuti a questa epoca come fastidiosi, in età successive invece sono maggiormente tollerati e ricercati.

Quindi il pianto, generalmente, non indica incapacità genitoriale nella gestione del proprio piccolo!!!

“Il bimbo mangia?”. “Dorme?”. Queste sono le domande che rivolgono tutti ai neogenitori, i quali misurano la propria capacità genitoriale proprio attraverso il riuscire a gestire queste 2 aree principali di vita del loro piccolo.

Tutti danno i loro consigli, i neogenitori si sentono osservati, giudicati e impreparati… Ma impariamo a dare il giusto peso a questi “altri”, provando a fidarci delle nostre intuizioni, delle nostre capacità e soprattutto dandoci il tempo!

latte maternoCerto, siamo genitori da poco e stiamo imparando a farlo, ma noi siamo quelli che da subito conoscono di più il nostro piccolo…

Poniamoci anche in ascolto, accettando quanto ci suggeriscono gli altri, perché deriva dalla loro esperienza e interesse verso di noi e verso il neonato, ma prendiamolo appunto come indicazione, possibilità, proviamo a fidarci anche di noi, del nostro sentire, del nostro partner e del nostro piccolino… La relazione è fondamentale infatti.

Ricordiamoci che non esistono capricci, esistono bisogni. Impariamo a fare questo: ascolto me, ascolto mio figlio, ascolto l’altro (che può darmi buoni consigli) e poi agisco.

 Nei primi mesi e anni di vita, noi siamo il suo mondo, tutto ruota attorno a noi, senza il piccolo non percepisce di esistere, si sente perso. Gradualmente imparerà a riconoscersi come essere separato da noi, mentre lo accompagneremo in questo processo.

I “vizi” sono cattive abitudini, ma se invece quando ho fame mangio e quando sono sazio smetto, non avendo più bisogno di cibarmi, rispondo solo a dei bisogni. Se il mio piccolo “ha fame del contatto con me” quando se ne sarà riempito, potrò lasciarlo e riposerà sereno. Certo devo stare attenta ad “ascoltare” i suoi segnali. Appena nato il piccolo ha un fortissimo bisogno di contatto, di ricreare quell’ambiente che ha conosciuto nei 9 mesi di gestazione. Stare sul ventre della madre, sentire il suo battito, i rumori del corpo e il suo odore, lo aiutano ad adattarsi al mondo fuori dalla pancia.

E’  importantissimo questo tipo di contatto primi 4 mesi, motivo per cui il piccolo ricerca lo stare in braccio. Se diamo la giusta risposta al bisogno di vicinanza e attaccamento, lo aiutiamo gradualmente a volgersi all’esterno, ad essere pian piano autonomo da noi. Sì, perché infatti una buona dipendenza (necessaria a queste età del bambino) porta ad una buona autonomia e autoregolazione.

Se vogliamo aiutarlo in questo passaggio quindi possiamo tenerlo in braccio. Nel momento in cui lo addormentiamo, se non ci sono particolari esigenze, ricordiamoci di tenerlo almeno per 20 minuti, quando è addormentato poi lo possiamo mettere nel suo lettino.  Questo,  perché il sonno dei neonati è diverso da quello degli adulti, per passare al sonno profondo il piccolo prima si addormenta nello stato di sonno leggero.

E’ importante ricordare che i bisogni cambiano nel tempo, in base alla crescita. I bisogni sono ciò che ci porta ad agire e a ricercare i mezzi per soddisfarli. Ovvero sono la motivazione ai nostri comportamenti. Possiamo immaginarceli, come secondo il modello proposto da A. Maslow (1954), disposti gerarchicamente su una piramide:

  1. alla base ci sono i bisogni primari fisiologici connessi alla sopravvivenza (bere, mangiare, dormire, di termoregolazione, ecc.);
  2. al secondo livello della base, ci sono i bisogni di sicurezza (protezione, tranquillità, prevedibilità, di ruolo, a livello familiare, di salute, ecc);
  3. al terzo livello, i bisogni di appartenenza (essere amato ed amare, essere parte di una comunità);
  4. al quarto livello verso il culmine della piramide, i bisogni di stima (essere rispettato, approvato, riconosciuto);
  5. al quinto livello, il culmine della piramide, i bisogni di autorealizzazione (realizzazione propria identità, ruolo sociale, spiritualità…).

Soddisfare appieno i bisogni più in basso, alla base di questa piramide, consente di fare emergere e potersi dedicare a quelli ai livelli superiori.

I bisogni possono presentarsi anche a più livelli contemporaneamente ed avere più urgenza rispetto ad altri, in funzione del momento della nostra esistenza che stiamo vivendo.

Questo presentato infatti è solo un modello schematico, che può però aiutarvi a comprendere che se non mangiamo, beviamo e nel nostro caso dormiamo abbastanza, non siamo in uno stato di benessere che ci aiuta a dedicarci al meglio al nostro piccolo.

Per cui, appagare i nostri bisogni e del nostro bambino, significa esserne nutriti e provare emozioni positive. Quando invece non riusciamo a soddisfare questi bisogni, o lo facciamo solo in parte,  le emozioni, quindi i nostri vissuti e quelli di nostro figlio, saranno negative.

Anche la mamma ha i suoi bisogni che si adattano alle nuove richieste di fusione del piccolo, ma non sempre è facile sostenere il ritmo. Per questo si può provare ambivalenza nell’accudire il proprio bambino. Dobbiamo accogliere, accettando ciò che proviamo e rispondere ai bisogni possibili in quel momento o posticiparli a quando potranno essere esauditi.

Un bisogno fondamentale nei primi mesi di vita del piccolo, ad esempio per la mamma è il suo bisogno di sonno e di dormire appena possibile. Può allora essere utile fare la lista della priorità (faccende, impegni fuori casa…) e anche farsi aiutare da qualcuno nel tenere il piccolo mentre lei dorme. Una mamma ben riposata infatti, riesce a rispondere meglio ai bisogni del suo piccolino.

Dare risposta ai bisogni del nuovo arrivato costruisce in lui un senso di fiducia e sicurezza prima verso noi e poi in sé. Se rispettiamo noi per primi i suoi bisogni, gli insegniamo gradualmente crescendo, che deve rispettare anche i nostri, gli insegniamo a rispettare se stesso e gli “altri” in generale!

Giovanna Loconte  Psicologa – Psicoterapeuta

Commenta per primo questo articolo!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *